Ambrosia: nuova vita al catering!

07 Marzo 2022

Vogliamo oggi affrontare un tema fondamentale, quello dell’Heritage di un brand.

Chi si occupa di marketing, consulenza e comunicazione è spesso chiamato a rinnovare o riposizionare un brand. In Aromi arrivano spesso richieste di questo tipo, e basta guardarsi intorno per individuare — nel proprio settore — esempi di aziende che rinnovano rapidamente marchi e proposta di valore.

E cosa ne facciamo della Storia di un brand? Del suo Heritage?

In Aromi partiamo sempre com una missione: preservare e, se possibile, esaltare l’heritage di una azienda.

Nel concreto, vi presentiamo il caso di un importante società di Catering e gestione Eventi, Matrimoni, Congressi. Condotta con successo da un executive chef per oltre 20 anni, ma con le normali difficoltà di un mercato che è forse tra i più complessi e imprevedibili. L’ingresso di una nuova compagine sociale, che ha sposato il progetto, porta l’azienda a ridiscutere il proprio brand e a coinvolgere Aromi nel processo.

L’analisi condotta ha dimostrato che l’heritage del brand era un valore fondamentale, e ciò appariva ancor più evidente quando il prospect giungeva attraverso il passaparola o l’esperienza dal vivo di un evento (es. prendo parte a un matrimonio o un congresso, apprezzo la qualità del servizio e quindi ricontatto l’azienda per il mio evento).

L’evoluzione del brand — che nel frattempo, dal punto di vista visivo, era rimasto un po’ vittima degli anni passati — è quindi partita dalla Conservazione di tutti gli elementi vincenti, ha proseguito su un leggero rinnovamento di Cromie e Font, e si è completata con l’inserimento di un payoff e di una tagline descrittive che valorizzassero i nuovi valori dell’azienda.

Nel 2022 Ambrosia si presenta sul mercato con un rinnovato impulso creativo, ma soprattutto con una forte organizzazione interna che assicura professionalità e tempestività nella gestione degli eventi.

CONTACT

Scopri tutto quello che possiamo fare insieme
Aromi. A marketing agency with a collaborative approach