Matteo Zappile, Servizio di Sala 2022 Michelin by Intrecci

20 Dicembre 2021

Un riconoscimento importante per il Restaurant manager de Il Pagliaccio, unico due stelle Michelin a Roma. Un premio che celebra i 12 anni durante i quali Matteo Zappile ha diretto con professionalità, consapevolezza e senso di ospitalità la sala del Pagliaccio assieme a tutta la brigata.

Aromi condivide con il ristorante tutto l’entusiasmo e la gioia di questa conquista. Abbiamo sostenuto e raccontato di Matteo lungo questi anni. Abbiamo festeggiato con lui quando nel 2014 è diventato Miglior Sommelier d’Italia attento alle birre per il Gambero Rosso. Abbiamo condiviso con tutta la nostra rete il riconoscimento Miglior sommelier d’Italia per l’Espresso nel 2017.

Il premio al Miglior Servizio di Sala d’Italia è la ciliegina sulla torta di un percorso di cooperazione e collaborazione, di fiducia reciproca, tra chi ha fatto della ristorazione la propria vita e chi questa filosofia la comunica, giorno dopo giorno, attraverso le immagini che la immortalano, attraverso le parole che tentano di descriverla.

Una filosofia che segue due rette tanto parallele quanto strettamente correlate. La cucina di Anthony Genovese e la guida vigile di Zappile alla sala tutta sono l’emblema della missione del Pagliaccio: Parallels. Qui sta, oltre premi e riconoscimenti, la vera sostanza della collaborazione tra Il Pagliaccio e Aromi: la non facile identità dell’esperienza-viaggio che gli ospiti vivono nel locale bistellato, un percorso che come i paralleli abbraccia tutto il mondo, tra gusti, sapori ed emozioni.

Le parole di Matteo: «Voglio ringraziare lo chef Anthony Genovese in primis, per la fiducia datami in questi anni insieme, e tutto il mio team di sala, di oggi e di ieri, per la passione e la dedizione che mi hanno donato e mi donano ogni giorno. Per me è un traguardo importantissimo, e voglio condividerlo con tutta la famiglia del Pagliaccio».

CONTACT

Scopri tutto quello che possiamo fare insieme
Aromi. A marketing agency with a collaborative approach